1985

Il grande gelo! E la lunga estate…

Un freddo tanto intenso, che da lustri non se ne ricordava, fin dai pri­mi giorni dell’anno trasformò la piscina in un campo di pattinaggio. Alcuni alberi furono spezzati dal gelo, la neve fece la sua comparsa rincarando quell’unico tristo colore invernale dei nostri giardini. Al­cune tubature dei campi tennis si apersero, un elemento filtrante della piscina segui la stessa sorte.
Il clima avverso non impedì la frequenza invernale dei corsi di ginnastica maschili, tenuti dal signor Amilcare Gaia e quelli femminili dalla signorina Vasino. Uno splendido veglione sociale, una altrettanto riuscita tombola benefica con un ricavato sui 3 milioni dati in benefi­cenza, ed una befana a sorpresa per i più piccoli, chiuse le feste natali­ zie.
In marzo la sala del Music venne dotata di schermo gigante televisi­vo.
In aprile venne studiato un nuovo progetto di costruzione per la cuci­ na del ristorante; ai primi di giugno furono messe in acqua 3 nuove canoe tra l’entusiasmo dei giovani. Il 18, il presidente ed alcuni consi­ glieri furono ospiti del direttivo dell’Esperia a Torino.
Concordato il gemellaggio delle due società, gli interscambi, le parte­cipazioni a gare di canottaggio, nell’ambito delle celebrazioni del cen­ tenario dei sodalizi.
Una Casale-Venezia a motore in tre giorni, 6 equipaggi, soliti incìden­ ti di viaggio, servizio logistico perfetto, grazie alla iniziativa del no­ stro presidente, consegna finale di pergamene dell’epica discesa (da minuta et precisa descriptione della navigatione, al comando dello Almirante Major don Luis degli Ubertazzi).
San Pietro, con doppio veglione (classico e giovane), palloncini vene­ ziani, luci e lumini nella notte con nuotata notturna.
La Casale-Pavia sostituì la Chivasso ormai impossibile sia por le di­ghe assurde, sia per i permessi di attraversamento del fiume a Trino, e per evitare le mugugnate, e le rotture delle imbarcazioni.
Del resto fu una piacevole discesa in due giornate intense,… ma la notte… la notte… tutti gli istinti ribelli delle ciurme si risvegliaro­no tenendo in stato d’assedio un paese intero, che per sua disgrazia ci ospitava… un grazie al Giorgio Candiani, valido nocchiero.
Altri nostri, conclusero una Ferrara-Venezia, altri ancora Laguna Veneta-Trieste, a motore.
Dal 15 al 30 giugno fu tenuto il IV Torneo nazionale di tennis con Trofeo Lancia Thema: singolare maschile N.C. (Gran Prix A) finali­sti: Emilio Mombello contro Duglas Ruffin (U.S.A.) 75-64. Singolare maschile C2 C3 C4 ed NC: Renato Goria contro Osvaldo Zanada 63-61.
28 luglio, l’Esperia, organizzava con partenza dal nostro molo, una crociera ecologica per il salvataggio del fiume. 32 persone ne forma­vano i vari equipaggi, le imbarcazioni più svariate, tutte a remi, gio­vani ed anziani dopo una serata passata in allegria consumando una cenetta come nostri ospiti, alle seconde ore dell’alba, lasciavano le nostre sponde per arrivare poi al 18 di agosto in Venezia.
6 agosto, una tromba d’aria nella notte abbatteva i due più maestosi pini argentei del nostro prato, svellando la rete di cinta dei campi da tennis all’aperto.
Ferragosto in società con tre giornate di festa, giochi all’aperto e sull’acqua, torneo sociale di bocce misto, merendona e conclusiva spaghettata al suono della nostra Music Foli (con intervento notturno del trombettista pazzo).
In agosto le mongolfiere sul Po.
Settembre, Trofeo notturno basket tra le società ricreative casalesi messo in palio dalla Cano. Partecipanti Canottieri Casale, Sporting Club, M.A.C. Motonautica Associazione Casalese, Nuova Casale, Circolo Tennis.
Tomeo sociale di tennis.
In settembre, campionati mondiali di canottaggio. L’Italia è seconda. 2° torneo per Trofeo Canottieri bridge.
22 settembre, 4* Festa del Po. Parteciparono il gruppo Amici del Po, il Circolo Motonautico Modellistico Navale Novara, Associazione Motonautica Pavia, la Squadra Corse Umberto Piazza, il Centro Sommozzatori Casale ed il gruppo canoistico della Canottieri. Giornata splendida con dimostrazione dei piloti di due catamarani promozionali, due fuoribordo corsa OCN, il saettare poi dei modelli­ni sul pelo dell’acqua, il salvataggio, compiuto dai SUB con la parte­cipazione dell’elicottero, di un naufrago, la sfilata delle nostre canoe (presidente in testa) alfine la premiazione dei partecipanti chiudeva la manifestazione nella nostra società.
Lo spettacolo pirotecnico concludeva nella calda nottata la 4a festa del Po,
Calcio 85/86 partecipazione alla 3* categoria, amatori e giovanissi­mi.
31 Dicembre, serata Jazz e conclusione dell’anno con gli auguri del presi­dente.
L’amico Sassone eletto presidente della Esperia.
Vennero a mancare gli anziani consiglieri: Ottavio Rossi e Attilio Muzzana, amici sinceri, al servizio di tutti. Fedelissimi canottieri, e con loro tanti ricordi si perdevano con la nostra Società.
Nel nuovo anno anche il nostro Nino Mandrino non era più con noi.

Categorie: Annali.