GEMELLATI CON YACHT CLUB PORTO ROTONDO

logo-PR

1951

Anno tra i più difficili per la nostra Società (e per il Polesine). Furono tenute ben 5 assemblee, dimissioni del vecchio consiglio. (31/7) Consiglio provvisorio di reggenza; altro sfratto dai locali, il Basket retrocesso (mancanza di fondi per il sostentamento della squa­dra, i soliti mugugnatoli si schierarono contro la pallacanestro per spesa eccessiva del Chewing gum: erano poi 70.000 lire, non esisteva altra sovvenzione). La ricostruzione del molo osteggiata da parecchi; lavori nella sala da ballo non condivisi; spesa per lo spostamento del muro di confine col Ronzone, ed infine la costruzione di un nuovo campo tennis.
Unica nota positiva le nuove canoe e l’agonismo dei più giovani per il diporto e le gare sul fiume.
Casale-Venezia: capovoga signor Umberto Jori.
Una Chivasso-Casale tutta giovanile, tante canoe pochi gondolini. Anche alla festa del Po qualche borbottìo, ma infine la giornata si chiuse in bellezza: corsa nei sacchi, gare di canoa, fuochi artificiali, bocce, una bella gara di nuoto tra le varie società provinciali (la Ca­nottieri fu medaglia d’argento).
Nel Basket le cose non andavano meglio, eravamo in serie B, i diri­genti Spinoglio, Schierano, Mandrino, Rossi, Daghino sostenevano la nostra formazione composta da: Gorla, Brovero, Santolli, Nasatti, Garis, Ceretti, Fioravanti, Siccardi, Morano, Miglietta, Pagliano, Mazzucco, Prigione, Raviolo; allenatori Gorla e Garis.

Translate »