GEMELLATI CON YACHT CLUB PORTO ROTONDO

Storia

Forse nessuno meglio di Remo Ceccherini poteva cimentarsi nella lodevole fatica di curare questo volume che illustra le genti e le imprese del fiume Po e della Società Canottieri. L’amico Ceccherini, dinamico ed animato da un effervescente spirito di iniziativa, nonché profondo conoscitore della storia casalese e dei suoi personaggi, ha voluto dedicare al Po e alla sua Società un documento che non ha precedenti nella bibliografia cittadina.
Questo volume, frutto di una paziente opera di ricerca retrospettiva e ricco di documentazioni raccolte nel corso di molti anni, offre al lettore una panoramica completa e dettagliata sul nostro fiume e sugli ultimi anni del suo più vecchio sodalizio: un romantico tuffo nel passato che saprà senz’altro risvegliare emozioni antiche.


Questo blog riporta la storia recente della Società Canottieri Casale tratta dal prezioso testo di Remo Ceccherini “Quel tratto di fiume…”, a partire dal 1946.

E... ancora una volta con i remi in acqua!
L'11 gennaio vennero tenute le prime elezioni; dopo la lettura della situazione finanziaria: attivo L. 5.650; passivo L. 38.435; resi­duo passivo L. 32.803, il consiglio direttivo venne così composto: presidente: aw. Giovanni Schierano; vice presidente, dott. Ugo Car- penedo; segretario, signor Giovanni Mandrino; economo, signor Carlo Spinoglio; consiglieri, signori Piero Leone, Giovanni Beltrame, Ottavio Rossi.
1946
12 gennaio. Assemblea: nuovo consiglio direttivo nei signori: presidente, G. Schierano; vice presidente, P. Salto; segretario G. Mandrino; tesoriere, G. Spinoglio; consiglieri, O. Rossi, M. Zavatta- ro, A. Muzzana; attività sportive presiedute da Ottavio Rossi. Canottaggio agonistico: signori Aurelio Bruschi, Pìnetto Gìorcelli. Nuoto: signori G. Sarzano ed R. Ceccherini.
1948
Un maestro federale di voga.
19 gennaio, durante l'assemblea annuale venne nominata una com­missione disciplinare per porre fine all'incuria di alcuni soci verso l'at­trezzatura sportiva. I censori eletti furono i signori A. Muzzana, M. Sclerandi, M. Bazzano, P. Comero; in maggio ospite della società fu un maestro di voga, venne messa in acqua la vecchia «quattro» e tre equipaggi si alternarono ai remi (buttando fuori ranima) ma le ca­noe ebbero la preferenza dei giovani.
1950
Eletto un nuovo consiglio.
Presidente signor Giovanni Mandrino. In gennaio fu rivestito il sof­fitto del Music a spese di due soci, i signori Baroglio e Mortarotti per continuare il successo estivo del ballo. Dopo 4 serate la sala invernale venne chiusa.
1952
Il giornale.
2 gennaio, il Cine Club casalese si univa alla Cano; presidente il sig. Gabriele Serrafero, Negli anni che seguirono le proiezioni settimanali desiarono vivo interesse, per le tecniche cinematografiche e i soggetti. 7 gennaio, si insediava una commissione per festeggiamenti.
1954
Il CONI
In febbraio venne avviata una pratica interessando il C.O.N.I. circa la comproprietà del terreno sociale; delle eventuali costruzioni, attrezzature, a fine sportivo e agonistico.
1956
Campionati d’Europa.
Il tradizionale veglione del nuovo anno ormai non fa più notizia. 20 aprile, nuovo direttivo: presidente sig. Schierano; vice presidente sig. T. Marchino; consiglieri C. Spinoglio, F. Vitale, E. Maffioli. O. Patrucco; segretario G. Mandrino.
1958
Le olimpiadi romane
L’Italia si classificherà al 3° posto: 13 medaglie d’oro, 10 medaglie d’argento, 13 medaglie di bronzo, Al primo posto la Russia con 43 oro 29 argento 31 bronzo, secondo Stati Uniti con 34 oro 21 argento 16 bronzo.
1960
L’intrusa
A febbraio il comportamento scorretto di 6 soci creava un fastidioso incidente durante il veglione Dal Po al Nilo. In seguito vennero presi severi provvedimenti disciplinari.
1962
L’olimpionico
10 gennaio, eletto un comitato di festeggiamenti nel signori O, Rossi e V. Capra. I lavori per la nuova sede sociale continuavano con lena, mentre il controllo dei costi del materiale e del lavoro, seguivano un criterio di eguaglianza nelle liquidazioni parziali, senza priorità
1964
La fine del molo
Febbraio, assemblea tranquilla e veglione sereno. Maggio, un gruppo di soci (professionisti) signori Robino, Deregibus, Zanetti, Pagani studiavano un piano regolatore per la progettazione definitiva della sede sociale, con servizi adeguati al numero sempre crescente dei soci (bar, sala biliardi, saletta televisiva, palestra, saune, spogliatoi maschili e
1966
L’anno mondiale della contestazione
Qualche mormorìo nell’assemblea annuale in gennaio. Eletto un nuo­vo direttore sportivo nel signor Renato Bagnera. In primavera seppellite le tracce del vecchio scalo Pontieri, sotto la terra dello scavo del nuovo istituto Sacro Cuore. Nuovo allenatore tennis signor Falleni; Pomati e Pozzi primi nel crite­rium allievi.
1968
La… sede sociale. I giovani delfini stravincono!
In marzo, ritornava la Scherma; le lezioni tenute da un istruttore fe­ derale si tenevano in palestra, invocatore del ritorno il signor Renato Ciocchetti. 15 maggio assemblea generale tranquilla (le assemblee della Cano rappresentano da sempre le croci non le delizie per i consiglieri in ca­ rica). Acquisto di 400 armadietti per spogliatoi, e 2 biliardi.
1970
Coppa Pulcini – Articolo sul Monferrato di P.F. degli Ubertis nel centenario della la Canotteria casalasca. Veglia sociale in maschera. Assegnata la Coppa Pulcini – calcio. Torneo di bocce acceso. Tennis, gare di nuoto, singolare corsa tra sandolini in legno e canoe in vetroresina. San Pietro con la festa sul Po notturna, barche illuminate, palloncini e qualche razzo sparato dalle imbarcazioni, bella nuotata notturna. Torneo di bocce a coppie, caccia al tesoro,
1972
10 gennaio, insediamento del comitato festeggiamenti a ricordo del 50 ° dell’inaugurazione della sede sociale. Fu trasformato il campo del Sinai in una pista ippica ad ostacoli con una meticolosa preparazione. II 30 giugno ebbe inizio il 1° concorso Ippico Città di Casale con Tro­feo del Cinquantesimo, Coppa Città di Casale, Trofeo del presidente della Provincia, Coppa assessorato allo Sport Regionale, Coppa del presidente, e vari riconoscimenti posti in palio da privati.
1974
La grande secca!
Da anni il fiume non era stato tanto avaro di acqua! Affiorarono i re­sti delle mura del 1600, pietre da mulino, putrelle in ferro contorte del vecchio ponte pedonale, le traversine sospese dell’antico ponte di corde, sulla sponda destra all’altezza del Cavagnà apparvero i resti di un vecchio muraglione di epoca medioevale con un’alternanza di lun­ghi mattoni e ciottolato di fiume a lisca di pesce,
1976
Il nuovo consiglio. 7 gennaio, tombola benefica con ricavato devoluto in beneficenza (Friuli). In febbraio serie di proiezioni sportive. Elezione di un nuovo consiglio direttivo. Presidente signor Francesco Boverio. Vice presidente signor Enzo Foglia. Consiglieri: signori Del Rosso, Deambrogio, Guaschino, Calvo, Bertiglia, Zeppa, Burdisso. Collegio sindacale: signori Cellerino, Previ­gnano, Pellizzone. Probiviri: signori Nebiolo, Ceccherini, Ghena, Angelino.
1978
Lo Statuto
La tombola di gennaio permise di dare in beneficenza quasi due mi­lioni con una erogazione benefica straordinaria di L. 500.000 pro ter­remotati. Nell’assemblea di febbraio fu votata una modifica allo Statuto: la du­rata in carica del consiglio direttivo non dovrà superare i tre anni, in caso di rielezione, potrà restare in carica altri tre anni, dando alla sca­denza del secondo mandato le dimissioni, senza la possibilità di ulte­riore rinnovo.
1980
Campionati mondiali juniores di canottaggio a Piediluco “Il Po perché viva per le genti e la storia di Casale e del Monferrato”… La prima festa del fiume si tenne dal 28 agosto al 19 settembre e por­tava questo titolo. Il programma comprendeva l’Invito al Castello, al Luna Park, un’esposizione di monete gonzaghesche, la grigliata curata dalla Pro Lo­co di Morano Po e di Camogli (con frittura gigante di pesci di mare); le sfilate folcloristiche, giorni di spensierata allegria sulle rive, coro­nati dai fuochi artificiali, in ricordo degli assedi subiti dal castello dal lato del fiume.
1982
Il grande gelo! E la lunga estate…
Un freddo tanto intenso, che da lustri non se ne ricordava, fin dai pri­mi giorni dell’anno trasformò la piscina in un campo di pattinaggio. Alcuni alberi furono spezzati dal gelo, la neve fece la sua comparsa rincarando quell’unico tristo colore invernale dei nostri giardini. Al­cune tubature dei campi tennis si apersero, un elemento filtrante della piscina segui la stessa sorte.
1985
20 gennaio.
Assemblea: ritocco delle quote sociali per fronteg­giare le spese per la ricostruzione.
28 maggio,
insediata una commissione di vigilanza per la conserva­zione dei beni della Società, nei signori: G. Beltrame, C. Mina, G. Raselli, C. Rossochioso.
1947
Le nuove leve giovanili del basket associate gratuitamente
Il 31 gennaio un gruppo di soci presieduti dal signor Nanni Beltrame chiedevano al consiglio l'acquisto di almeno un K-I per agonismo, la richiesta accolta, seduta stante.
1949
Anno tra i più difficili per la nostra Società (e per il Polesine). Furono tenute ben 5 assemblee, dimissioni del vecchio consiglio. (31/7) Consiglio provvisorio di reggenza; altro sfratto dai locali, il Basket retrocesso (mancanza di fondi per il sostentamento della squa­dra,
1951
La Filodrammatica.
All’inizio dell’anno venne fondata La Caravella, una compagnia di prosa nata dalla passione dei soci. Prove su prove, fondali di scena, creati artigianalmente, trucchi, luci, un nuovo fervore aveva riani­mato la Società.
1953
29 gennaio, elezione del nuovo consiglio nei signori Edoardo Francia, Francesco Deambroglo, Giovanni Mandrino, Tino Fara, Aurelio Bruschi, Giorgio Fatutto, Ferruccio Garis; per il collegio sindacale i signori: Pierino Cornero, Piero Porta, Tito Bruschi.
1955
Vola lo Sputnik e volano delle sempre più accese discussioni su tre argomenti: Esproprio; CONI; ed eventuale costruzione della nuo­va sede.
1957
LE BOCCE
15 gennaio, venne costituito il consiglio della sezione ENAL Canottie­ri. Presidente il sig. Attilio Leporati, vice presidente sig. Vincenzo Ca­pra, consiglieri signori Renato Menighetti e Mario Oddone.
1959
In aprile… l’uomo è nel cosmo!
4 febbraio, grande veglia sociale del tempo andato. In maggio, venne ratificato l’atto di vendita con la liquidazione del canone di locazione richiesto dal Demanio dal 1950 al 1959. •
1961
La piscina
2 febbraio, fu eletto presso la consulta sportiva comunale, quale dele­ gato sezione bocce, il signor F. Boverio.
4 marzo, iniziarono gli scavi per la piscina estiva; supervisore il signor Raselli. In maggio riprese l’attività il Cine Club.
1963
In gennaio, voto di sfiducia al consiglio reggente. 19 febbraio, nuove votazioni: presidente signor Antonio Bocca, vice presidente Giovanni Mandrino, segretario signor Francesco Boverio, tesoriere e contabile signor Ferruccio Garis, consiglieri signori Giulia­no Morano, Giuseppe Raselli, Piero Mina, Elio Allara,
1965
Il tennis coperto
In gennaio, venne affidato al signor Francesco Boverio il mandato di predisporre un testo di costituzione in Ente Morale del nostro sodali­ zio.In febbraio, fu acquistato dagli eredi Leporati, parte del cortile, retro­ stante la erigenda nuova sede, in zona Ronzone.
San Pietro, con gara di pallavolo, tennis, caccia al tesoro, gare di nuoto e la solita festa sul Po.
1967
L’uomo passeggia sulla luna
Venne a mancare, tra il cordoglio di tutti, il presidentissimo: il nostro avvocato Schierano. Poche le parole, la sua immagine resta nel cuore di ogni canottiere; le iniziative e le molteplici opere nella nostra società ne testimoniano l’attaccamento disinteressato.
1969
Campionati mondiali di canoa
SI parlava insistentemente di un progetto a livello regionale che avrebbe cambiato il nostro tratto di fiume in un… lago. Una capace diga a una decina di metri a valle del ponte ferroviario avrebbe creato un invaso tanto grande da mandare le acque sotto l’argine di Morano, la strada che porta alla diga,
1971
Valenza-Venezia – 5 imbarcazioni a motore. Venezia-Trieste 2 equipaggi. Elezione di miss Casale al Music Hall. Cade il consiglio per un aumento di quota (L. 5.000). 7 aprile: vota­zioni. I candidati: signori Del Rosso, Devecchi, Garis, C. Mina, Schiavetta, Carzino, Ferraro, S. Scarrone, L. Ubertazzi, Cellerino, Cavallone, Nebiolo. Sindaci signori Bertazzo, Burdisso. Ma…
1973
Elezione di miss Canottieri, Veglione sociale con abiti da sera bizzarri. Costituzione della S.A.S.. Primavera tormentata dalla pioggia, 20 giugno partenza Casale-Pontelagoscuro: 4 scafi a motore. Raid Chivasso-Casale con una barca a rimorchio e la perdita di due remi. Torneo sociale di bocce, basket, pallavolo e calcio. Tennis nel torneo a squadre di Treville. Parteciparono:
Squadra A: E. Massola, G. Pretti, Boarino, Mombello, Squadra B: Colombo, Bacco, G. Mombello, Re, Splnoglio, Jori, Zorzoli, Delrosso.
1975
Nasceva il C.S.C. Centro Sommozzatori Casalesi «Franco Miglietta». Fondatori i signori Rustico, Cazzulino, Mopiani, Marini, Armani. Questo gruppo di appassionati delle meraviglie del fondo marino, si moltiplicò rapidamente e ben presto ebbe la meritata notorietà non solo nella nostra città, ma anche in tutto il Paese. l° presidente il signor Roberto Rustico. Finalità: istruzione didattica e pratica all’immersione, pronto intervento in caso di calamità. Alluvione 1978/79 Ovada 20 volontari a scavare.
1977
Gennaio, ricavato oltre un milione e mezzo nella tombola benefica, devoluto ai bisognosi. Sanzioni disciplinari. Nota di biasimo del consiglio; deferimento dei probiviri; richiamo alla disciplina. Per ristrutturazione della discoteca, alle esigenze del pubblico giova­nile, fu richiesto ai soci il versamento di una tantum. 2° Torneo di calcio del comprensorio E. Bianchi. La Cano era nel gruppo 2 con Monichino, Todeschini, Biagi, Deambrogio, Bosso. Chivasso-Casale tra continui borbottìi. Casale-Venezia a motore.
1979
La grande discesa ecologica del Fiume
Rimaneggiamento del consiglio direttivo: presidente e vice presidente confermati; consiglieri signori: Deirosso, Deambrogio, Cellerino, Bertolotti, Cerrato, Guaschino, Cei, Mazzucco, Rossi, gli ultimi due soci quali esperti di contabilità computeriale. Modernizzata la segre­teria con macchine elettroniche di calcolo e registrazione. Probiviri: signori Orcesi, Ghena, Capra, Ceccherini. Proposte: fondo in sintetico del campo tennis coperto.
1981
10° anno di presidenza del signor Francesco Boverio. Modifica dello Statuto. La squadra bocce venne affiliata alla Federa­zione Italiana Bocce, costruzione durante l’anno del nuovo campo tennis in sintetico, calcetto, e piccola collina verde ai bordi del prato. 20 maggio, costituzione del nuovo direttivo calcio nei signori: Bazzan presidente onorario, Giaroli presidente effettivo, E. Foglia vice con Mazzetta, Perfumo segretario, consiglieri C. Bertiglia, F. Pellizzone, R. Baroni, M. Baroni, P. Falda, A. Cei, G. Mazzucco, M. Delsigno- re, L. Ginevro, A. Barbonaglia, L. Ubertazzi, F. Garis, L. Giambruno, A. Boccalatte, C. Gario, F. Cellerino.
1983
Translate »